LA SUA STORIA

Luisa sta lottando contro un carcinoma infiltrante al seno, in stadio avanzato. Ha vagliato tutte le possibilità disponibili in Italia e in Europa, ma nessuna terapia è indicata per risolvere il suo caso. L’unica possibilità di cura è una immunoterapia sperimentale disponibile solo negli USA. Per sottoporsi a questa terapia, Luisa ha bisogno di 500.000 euro.  Luisa utilizzerà tutti i suoi risparmi, ma servono con estrema urgenza altri 300.000 euro per raggiungere il traguardo.  Luisa ha bisogno di noi.

Qual’è la storia di Luisa?
Il carcinoma di Luisa ha esordito nel 2014, aggravato successivamente da metastasi nella spina dorsale, nella catena mammaria interna e in sede adiacente al pericardio, trattate con interventi chirurgici, radio e chemioterapia. A gennaio 2019 sono comparse nuove metastasi ossee. In Italia e in Europa non ha speranze. Le terapie basate  su chemioterapici non stanno arrestando la progressione della malattia.
D’altra parte, le immunoterape disponibili nel nostro Paese non possono essere usate su Luisa.
A. le terapie che usano farmaci (ad es. anticorpi specifici) in grado di attivare le cellule immunitarie direttamente nel corpo del paziente già applicate in diversi ospedali italiani (a Siena, a Milano,…), necessitano di target, cioè di recettori a cui agganciare i farmaci immunoterapici. Luisa purtroppo, non ha i recettori necessari;
B. Le terapie note come “CAR-T”, che usano direttamente cellule immunitarie del paziente, attualmente in via sperimentale in Europa, ma ancora non accessibili a tutti, sono momentaneamente dedicate al trattamento di leucemie e linfomi.

Perché Luisa bisogno di noi?
Luisa vuole vivere e ha bisogno di curarsi.
Il denaro che tutti insieme raccoglieremo darà a Luisa una chance, la possibilità di sottoporsi ad una immunoterapia sperimentale, disponibile esclusivamente negli Stati Uniti, che isola dal sangue o dal tumore del paziente stesso i linfociti T, per poi selezionare solo le cellule di difesa in grado di riconoscere e attaccare la neoplasia.